La bolla di Tesla imiterà la catastrofe Bitcoin del 2018

Mentre i titoli tecnologici si riscaldano, una potenziale bolla di Tesla sta facendo venire gli incubi agli investitori. Fondata da Elon Musk, sia Tesla che SpaceX hanno un potenziale immenso quando si tratta di cambiare il mondo. Tuttavia, il mercato azionario ha il suo modo di interpretare il gergo finanziario per definire il valore di qualsiasi azione.

L’attuale valutazione e volatilità del gigante tecnologico di Elon Musk è un comportamento simile a una bolla che si avvicina rapidamente – molto simile alla saga di Bitcoin del 2017. E ogni appassionato di crittografia sa come è finita quella storia. L’analista Julian Bridgen dice che la bolla Tesla sta imitando i modelli della Bitcoin 2017 e gli investitori impareranno presto la lezione nel modo più duro.

Gli investitori stanno ignorando l’imminente bolla Tesla

L’anno 2017 ha visto Bitcoin passare da 1.000 dollari a 20.000 dollari. È stata una bolla in divenire, ma gli investitori criptici si sono accaparrati i soldi senza sosta. A febbraio 2018, la bolla Bitcoin è scoppiata in grande stile. Alla fine del 2018, il prezzo del Bitcoin ha toccato i 3.500 dollari, cancellando una porzione massiccia di denaro degli investitori e lasciando molti di loro devastati.

Ora, sembra che anche la bolla Tesla seguirà lo stesso percorso che la Bitcoin ha fatto nel 2018. I segnali di pericolo sono spesso offuscati da molti sviluppi positivi. Ad esempio, Tesla ha la rara distinzione di raggiungere la crescita durante una pandemia, quando le aziende notevoli hanno subito una grave contrazione. L’azienda ha annunciato molti nuovi sviluppi nonostante l’imminente rallentamento dell’economia.

Le azioni Tesla sono esplose in un breve lasso di tempo. Attualmente, le azioni Tesla sono scambiate a circa 420 dollari dopo aver toccato un massimo di 450 dollari due settimane fa. Tecnicamente, i grafici settimanali sono in pieno territorio di ipercomprato. Si tratta di trading a 165 volte i guadagni a termine – molto di più rispetto ai benchmark convenzionali.

La relazione on-off di Elon Musk con crypto

Elon Musk ha opinioni contrastanti sulle crittocittà, soprattutto Bitcoin. Nonostante non abbia legami con BTC o con la crittografia in generale, condivide spesso i suoi pensieri sull’argomento attraverso varie piattaforme sociali. Per esempio, Elon ha ripetutamente commentato la Dogecoin, ma ha passato l’opportunità di servire l’amministratore delegato della Dogecoin.

Al momento, è difficile definire chiaramente il rapporto tra Elon Musk e crypto. I suoi vaghi riferimenti spesso lasciano gli appassionati di crittografia alla ricerca di altri indizi. Tuttavia, i modelli azionari della sua azienda sono molto simili a quelli del re delle crittocorse, Bitcoin.

Gli investitori esperti ricordano come la bolla azionaria di Amazon sia scoppiata nel 2000, cancellando il 90% del valore delle azioni. Dieci anni dopo, tutto il mondo fa affari con Amazon. Quindi, anche se Tesla ha intenzione di possedere il futuro, le attuali valutazioni azionarie richiedono una correzione.